Ascolta la sua voce

PLAY

Inizio questo articolo proponendovi questa canzone che inizia dicendo “I WANT TO KNOW YOU LORD”, voglio conoscerti Signore. E’ proprio il tema che vorrei trattare oggi.

Forse hai dei dubbi a volte sull’esistenza di Dio, oppure già lo conosci ma arrivano momenti di vuoto, a volte invece hai la sensazione che ti rivolgi a lui ma le tue preghiere non sembrano andare oltre il soffitto, non senti la sua presenza, non sai se ti sta davvero ascoltando o non sai cosa dire per essere ascoltata/o, non sai se sei nella condizione giusta perchè le tue preghiere vengano esaudite.

Se ti rivedi in una o più di queste situazioni oggi voglio provare a dirti che ti sbagli! Dio è sempre con te, davanti a te, al massimo per rispetto sta alle tue spalle quando sei nel peccato e scegli volutamente di non volerlo nella tua vita, ma è comunque lì, se allunga la mano riesce a toccarti… Sta davanti a noi, come fanno tutti gli amici o le persone con cui parliamo; stiamo sempre uno di fronte all’altro nelle nostre relazioni, al supermercato, a lezione, mangiando una pizza, mentre ci abbracciamo o diamo un bacio al nostro amore. Ci avete mai pensato a questo aspetto? Perchè ci guardiamo negli occhi? perchè abbiamo bisogno di vederci se già sentiamo le nostre voci? Potremmo stare l’uno affianco all’altro e invece usiamo tutti i nostri sensi perchè siamo creature di Dio che usufruiscono di tutti i sensi, tutte le benedizioni che posseggono. Ecco, Dio che ha creato le benedizioni le esercita di conseguenza verso di noi. Quando sta dietro è solo perchè ci rispetta, ma attenzione, è un Dio che non riesce a stare a più di un metro di distanza da noi. Provate a disegnare sul pavimento una circonferenza intorno a voi dal raggio di un metro. Ecco Dio è lì dentro! Anche in presenza di una possessione demoniaca Dio è lì, è lui che permette ogni cosa e basta che quella persona si decida di voler tornare al padre per permettere a Dio, all’interno di quella circonferenza di spostarsi da dietro le nostre spalle alla posizione d’avanti a noi, e con il nostro permesso potrà iniziare ad accarezzarci e ad allontanare il male da noi..Con questa immagine  voglio solo farvi capire che Dio è davvero innamorato di noi ed è con noi sempre e che è più forte del demonio, voglio farvi cogliere la sua potenza che anche in presenza di una possessione non passa in secondo luogo, anzi, in quel caso, Dio è molto più attivo intorno a noi per crearci situazioni di salvezza.

Allora se Dio è cosi vicino a noi e ci ama così tanto perchè a volte non lo senti? Perchè non sai cosa dirgli? Perchè non credi che ti stia ascoltando? Perchè non ti dà prova di esserci? Per rispondere a queste domande ho trovato la risposta leggendo un libro che ogni volta mi fa riflettere e mi fa capire tante cose: la Bibbia!

Riflettevo su questo concetto e mi è venuto in mente che vorrei sentire più spesso la voce di Dio, o meglio, vorrei iniziare a conoscerla perfettamente. Perchè se la conosco allora inizierò a sentire Dio sempre vicino, a riconoscerlo. Immaginate di essere in una piazza con degli amici e all’improvviso tra il chiacchiericcio della folla, sentite una voce che conoscete… sicuramente iniziereste a cercare la persona che è proprietaria di quella voce!Non l’avete ancora visto ma vi è bastato sentire il suo timbro per cercarla con certezza in mezzo alla folla, perchè siete sicuri che sia lei. Ecco, ognuno di noi conosce ciecamente la voce della propria madre, padre, fratello, migliore amico, ma anche amici lontani, conoscenti.

Qual è la voce di Dio? Perchè se la ascoltiamo una sola volta allora riusciremo a riconoscerla sempre, vero? Io vorrei davvero conoscerla bene!

E riflettevo su due episodi della Bibbia che mi danno conferma che si può davvero conoscere quella voce e farsi guidare ciecamente, perchè una volta che sai che a parlarti è tuo Padre che per te ha in serbo solo cose belle, seguirai ciecamente quella voce senza controbattere.

Il primo episodio è il sacrificio di Isacco che Dio chiede ad Abramo che trovate in Genesi 22.

Dio chiede ad Abramo di sacrificargli suo figlio Isacco, il figlio che ha tanto chiesto a Dio e che è arrivato dopo tantissimi anni come vero miracolo! Provo ad immaginare me stessa in questa situazione.. Dio mi chiede di uccidere mio figlio, tanto atteso, per Lui, io inizierei subito a chiedermi se sono sicura che la richiesta provenga realmente da Dio o dal maligno.. perchè se mi chiede di uccidere non potrà essere Dio.. eppure Abramo accetta quelle parole, sicuramente avrà sentito dolore e non capiva il perchè di quella richiesta ma “si alzò di buon mattino” e si incamminò verso il luogo che Dio gli aveva indicato. Mentre si dirigeva sul posto, Isacco gli chiede “dov’è l ‘agnello per l’olocausto?” e lui risponde:”Dio stesso si provvederà l’agnello per l’olocausto, figlio mio!“. Così lega Isacco, prende il coltello e poco prima di sferrare il colpo, l’angelo del Signore lo ferma:”Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli niente! Ora so che tu temi Dio e non mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unigenito“. Vi rendete conto? Abramo conosceva bene la voce di Dio, era così sicuro che quello fosse il suo timbro da non aver alcun dubbio nel mettersi in cammino verso quel sacrificio doloroso! E’ questa la differenza, non è tanto la fiducia in Dio, che sicuramente aveva, ma una conoscenza intima, un aver memorizzato nel suo cuore il timbro della sua voce. Ogni giorno parlava con lui, si riferiva a lui per ogni dubbio o desiderio, gli chiedeva un parere per ogni cosa e pronunciava il suo eccomi quotidianamente. Questo brano mi fa riflettere anche su un altro aspetto che riguarda il modo in cui ragiona e opera Dio… ci chiede molto a volte, e quando lo fa dobbiamo iniziare a sorridere perchè possiamo essere certi che è vicina una grossa benedizione per noi. Infatti più avanti l’angelo di Dio dice:”Giuro per me stesso, oracolo del Signore: perché tu hai fatto questo e non hai risparmiato tuo figlio, il tuo unigenito,17io ti colmerò di benedizioni e renderò molto numerosa la tua discendenza, come le stelle del cielo e come la sabbia che è sul lido del mare; la tua discendenza si impadronirà delle città dei nemici. 18Si diranno benedette nella tua discendenza tutte le nazioni della terra, perché tu hai obbedito alla mia voce”.  Il Signore premia la fedeltà grandemente! PROVATE!

Allo stesso modo, Anania, discepolo del Signore, che Dio ha usato per la conversione di San Paolo, ci insegna che si può conoscere Dio intimamente fino a riuscire a fare cose che da soli non avremmo mai potuto fare! San Paolo era conosciuto da tutti in quel periodo per la sua violenza contro i cristiani e sulla via di Damasco viene folgorato da Gesù che gli chiede “perchè mi perseguiti?”, perde la vista e rimane per tre giorni senza bere nè mangiare. Il Signore chiede nel frattempo ad Anania, che non sapeva nulla di tutto questo di andare da Paolo e di imporgli le mani per guarirlo. Anania risponde:”Signore, riguardo a quest’uomo ho udito da molti quanto male ha fatto ai tuoi fedeli a Gerusalemme.14Inoltre, qui egli ha l’autorizzazione dei capi dei sacerdoti di arrestare tutti quelli che invocano il tuo nome“. Dio risponde: “Va’, perché egli è lo strumento che ho scelto per me, affinché porti il mio nome dinanzi alle nazioni, ai re e ai figli d’Israele; 16e io gli mostrerò quanto dovrà soffrire per il mio nome”.

Anania, conosce la voce di Dio, e con spontaneità ammette delle perplessità, gli parla come faremmo con una persona visibile: “Signore ma io ho paura di quest’uomo, so che uccide ferocemente i cristiani, potrebbe arrestarmi o peggio uccidermi, sei sicuro che debba farlo?” e Dio fornisce ad Anania la spiegazione, gli dice di non temere perchè arrivato da Paolo troverà un uomo diverso, un uomo che adesso ha sete di Dio e che ha bisogno di ricevere lo Spirito Santo. Anania allora va da Paolo, umanamente avrà avuto un po’ di titubanza, delle paure ma si fidava di quella voce, la conosceva bene! Va da Paolo e imponendo le mani su di lui, lo effonde dello Spirito Santo che lo guarisce dalla cecità e fa di lui una creatura nuova, capace di evangelizzare i popoli con franchezza.

Io avrei fatto la stessa cosa? In un altro articolo ho paragonato Paolo ad un seguace dell’isis, perchè davvero perseguitava i cristiani in modo spietato. Provo ad immaginare se Dio mi dice di andare da uno di loro e di annunciare che Gesù è il Signore, avrei paura, mi chiederei se questa voce fosse realmente quella Dio… ecco, non voglio vivere così, non voglio avere dubbi!

Voglio conoscere bene quella voce, perchè la mia vita cambierebbe radicalmente, riuscirei finalmente a vivere a prescindere dagli eventi che accadono intorno a me perchè Dio mi guiderebbe ad esserne superiore, Dio mi farebbe compiere azioni che razionalmente non farei mai e il bello sarebbe che quelle azioni mi renderebbero sempre vincente!

La cosa bella che sto capendo di Dio è che con lui non si perde mai, gli piace farci vincere sempre, è un amico brillante che ha sempre idee che vanno bene, che funzionano! Non possiamo sprecare l’occasione di farlo agire nella nostra vita.

Allora come facciamo a sentire la sua voce? E’ molto semplice: leggendo la bibbia, che ci parla di Lui, di come è fatto, di come ragiona e di cosa vuole fare nella nostra vita e in quella dei fratelli. Iniziate leggendo la bibbia e pian piano inizierete a sentire quella voce che vi suggerisce cosa fare. Non possiamo essere veri cristiani se non conosciamo la bibbia, se la bibbia non è il mezzo attraverso il quale ci mettiamo in relazione con Dio. Correte a comprarne una!

Un altro mezzo potente per conoscerlo è l’adorazione che ci fa arrivare a Dio tramite l’unica via di salvezza possibile che è Gesù Cristo, realmente vivo nell’Eucarestia. La voce che sentiremo dentro di noi è la voce che Dio emette tramite lo Spirito Santo che è la parte della trinità che abbiamo la fortuna di avere a disposizione nel nostro tempo storico, nel tempo che viviamo, oggi, adesso. Duemila anni fa Gesù è arrivato sulla terra, oggi invece vive nella persona dello Spirito Santo. Allora invocatelo, cercatelo tra le pagine della bibbia quando la leggete, quando, tra quelle righe, desiderate avere illuminazione per la vostra vita, per le vostre scelte. Vi assicuro che Dio non tarderà a darvi risposta, non lo fa mai!

“Signore desidero che la mia vita cambi, vorrei davvero avere un rapporto speciale e intimo con Te. Ho davvero bisogno che tu faccia parte attivamente della mia vita. Voglio chiederti tante cose che ho bisogno di capire, tante scelte che dovrò e devo fare. Gesù vorrei parlarti e avere risposte da te, riconoscere la tua voce. Allora voglio chiederti di concedermi la grazia di avere sempre fiducia che tu sei vicino a me vivo in carne ed ossa. Vuoi far parte della mia vita e se ti chiamo tu porgi subito l’orecchio per sentire cosa ho da dire. Gesù concedimi la grazia di coltivare un rapporto autentico con te, voglio che tu sia la mia unica certezza in un mondo in cui non esiste più niente che mi faccia sentire realmente sicuro/a. Gesù vorrei il tuo aiuto per molto cose, vorrei sentire quella grandezza che ha creato l’universo manifestarsi nelle mie piccole difficoltà, nelle ferite, nelle preoccupazioni. Signore parlami, come facevi con Abramo e Anania, anche io voglio avere la loro certezza verso la tua voce, parlami nel cuore, parlami nella mente, porgo l’orecchio alla tua voce… che voce bella hai Signore, fammela conoscere, voglio memorizzarla e desidero sentirla tutte le volte che il pericolo mi tenta o si prepara a sferrarmi un attacco. Proteggimi! Signore ti amo, ho bisogno di te, vieni, entra nella mia vita e benedicila, riempila della bellezza che vuoi donarmi, sono pronto/a a ricevere da te, ad averti come amico speciale che tutto sa di me e tutto fa per il mio bene. Grazie Signore!”

 

Chiedo l’intercessione di Abramo e Anania su tutti voi, perchè possano pregare Dio di parlare chiaramente al vostro cuore e di rivelarsi nella vostra vita!

 

 

 

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...